402
Lambillionea, XCIX 3, Septembre 1999

NUOVI CYCHRUS F. DELLA CINA
E UN NUOVO CARABUS L.(LAMPROSTUS) DELL'ANATOLIA.
(Coleoptera, Carabidae.)
Pierfianco CAVAZZUTI*
* La Giselburga, 12030 Pagno (CN) Italia.
Mots cles. Coleoptera, Carabidae, Cychrus, Carabus, Lamprostus, Nouvelles espèces et sons-espèces, Chine, Yunnan, Shaanxi, Turquie. Notes systématiques.
Résumé. Description de nouveaux taxa dans le genre Cychrus F. de Chine, provinces du Yunnan et Shaanxi: Cychrus gorodinskii n. sp., C. sinicus prolapsus n. ssp., C. bispinosus biceratops n. ssp., C. bispinosus fopinganus n. ssp., et d'une nouvelle sous-espèce de Carabus L. de 1'Anatolie méridionale: Carabus (Lamprostus) spinolae leonidas.
Abstract. Description of new taxa in the genus Cychrus F. from China, provinces of Yunnan and Shaanxi: Cychrus gorodinski n. sp., C. sinicus prolapsus n. subsp., C. bispinosus biceratops n. subsp., C. bispinosus fopinganus n. subsp., and one new subspecies of Carabus L. from Southern Turkey: Carabus (Lamprostus) spinolae leonidas.
Introduzione
Sono fornite le descrizioni di alcuni nuovi Cychrus F. provenienti dalle recenti campagne di ricerca svolte da diversi raccoglitori, nelle province cinesi di Yunnan e Shaanxi. I nuovi taxa provenienti dallo Shaanxi sembrano dimostrare, da un lato, che il gran numero di specie endemiche dall'altopiano tibetano e dalle zone immediatamente limitrofe, sono tendenzialmente monotipiche, e dall'altro, che le specie dei Qinling Shan, irradiatesi verso le zone circostanti, ad altitudine moderata, tendono ad esprimere una spiccata politipicita.
II Carabus (Lamprostus) descritto, è stato invece reperito dai fratelli Enrico e Leonida GRAZIOLI, nel corso di una delle loro recenti spedizioni entomologiche in Anatolia.
1. Cychrus gorodinskii n. sp.
Diagnosi: Un Cychrus di piccole dimensioni e di affinità incerta, con il pronoto piuttosto trasverso per il genere, l'addome spesso e rigonfio, le e1itre brevi, larghe, ma poco convesse.
Locus typicus: Cina, Yunnan Nord-occidentale, dint. di Deqen, 3300 m.
Holotypus male, locus typicus, in coll. dell'autore.
Paratypi: 9 males, 5 females, stessi dati dell'holotypus, in coll. Gorodinski e Sarasov.
Descrizione
   Dimensioni: lunghezza totale, 12,8 mm; larghezza massima delle elitre, 4,9 mm.
   Colorazione nera, solo le mandibole e i palpi sono rossicci.
   Capo relativamente piccolo, occhi normali, fronte depressa e fittamente punteggiata. Cli peo liscio, dotato di un rilievo longitudinale esteso fino a livello dell'area infraantennale. Solchi laterali profondi, con punteggiatura grossolana estesa anche sul vertice della fronte. Labbro bilobo, dotato di quattro setole, molto breve e non raggiungente il dente prossimale interno delle mandibole; queste ultime sono diritte, non sinuose e dotate di due robusti denti intermedi. Il mento è profondamente arcuato anteriormenete, con gli epilobi lunghi, acuti e appena arrotondati all'apice. I palpi labiali dispongono di due setole nella porzione mediana del penultimo articolo, e due sull'orlo distale. Mascellari con penultimo articolo brevissimo e dotato di una setola. Gli articoli distali sono tutti molto dilatati e incavati dorsalmente. Antenne lunghe, superanti la base del pronoto con 5 articoli e raggiungenti abbondantemente la metà delle elitre: lo scapo è dotato di una setola, II articolo poco piu sviluppato del IV, III lungo cuca due volte il IV. Sul III si trovano 2-3 setole distali, sul IV la corona distale è completa, ed i successivi sono dotatidi una breve pubescenza giallastra.
   Pronoto (rapporto: Lp/lp = 1,19) trasverso, con i lati regolarmente arcuati nel tratto anteriore, dov'è situata la maggior ampiezza, poi ristretto fino alla base, ma per nulla sinuato. Angoli posteriori inesistenti, addirittura arrotondati. Margini orlati e sottilmente rilevati. Disco piano, lievemente depresso, con la linea mediana netta ma leggera, e segnato trasversalmente da un chiaro solco pre-basale. Tutta la superfice grossolanamente e fittamente punteggiata. Una sola lunga setola mediana per lato.
   Elitre larghe e brevi. Gli omeri largamente arcuati, la parte distale leggermente ristretta è un poco allungata. Il disco e poco convesso fino alla terza serie di primari, dove il declivio dorsale passa bruscamente alla verticalita dei lati. Scultura eterodinam; i primari in granuli abbastanza grandi e irregolari, i secondari in granuli di minori dimensioni, ma sempre differenztati dalla irregolarissima granulosita del fondo.
   Propleure e prosterno grossolanamente punteggiati, tergiti ventrali debolmente punteggiati sul lati.
   Zampe brevi ma abbastanza robuste. Protarsi non dilatati, tuttavia i primi due articoli prossimali sono dotati di una ridotta spazzola di pulvilli.
   Edeago (fig. 5, a-b) regolarmente arcuato. In visione dorsale la porzione distale si presenta regolarmente ristretta e arrotondata nell'estremità apicale.
Derivatio nominis
La nuova specie è cordialmente dedicata al Sig. Andre GORODINSKI di Moscow.
Considerazloni e note comparative
   Dell'estrema porzione Nord-occidentale dello Yunnan, sono già note diverse specie di Cychrus: yunnanus Fairmaire, 1887, elongaticeps Deuve, 1992, chareti Deuve 1994, e kralianus Deuve, 1996, ma C. gorodinskii si distingue molto facilmente da tutte le suddette specie grazie alle sue peculiari caratteristiche morfologiche. E' certamente più prossimo a C lecordieri Deuve, 1990, dal quale si distingue comunque per molti caratteri. In C. gorodinskii il capo è più piccolo, il collo molto più breve ed è assente il solco curvilineo della regione infraoculare, inoltre la punteggiatura della fronte è molto più forte. Le mandibole sono decisamente più brevi e per nulla sinuate. I palpi sono piu dilatati e nel penultimo dei labiali sono presenti due setole distali. Le antenne sono maggiormente sviluppate. Il pronoto è meno trasverso, sub-piano e dotato di un solco parallelo alla base. Le elitre sono più brevi.
   C. luojiensis Cavazzuti, 1997, del Sichuan meridionale, ha le stesse dimensioni di C. gorodinskii, ma è decisamente più slanciato ed ha le pustole primarie delle elitre molto più sviluppate.
 
The number of review: 2770